L’albero della vita

Mente, corpo, emozioni: questo progetto è rivolto ai genitori dei neonati prematuri dei reparti Tinc del Regina Margherita e San del Sant’Anna. Attivo da 3 anni, ha ricevuto il riconoscimento scientifico da parte dell’Associazione Nazionale di Neonatologia.

ARTI UTILIZZATE: Disegno, danza, scrittura creativa

Regina Margherita e Sant'Anna

  Sostieni il progetto

Condividi sui social

Obiettivi

  • Migliorare la capacità dei genitori come care-givers, così da educare alla comunicazione con il proprio piccolo tramite il tocco e la voce.
  • Dare spazio all’espressione del vissuto emotivo in modo indiretto e non invasivo, utilizzando il linguaggio artistico e la condivisione.
  • Garantire ai genitori uno spazio di sperimentazione, affinché possano prendere contatto con le proprie emozioni e trasformarle, scoprendone il potenziale celato.
  • Offrire ai genitori strumenti e tecniche da utilizzare anche oltre il laboratorio, in modo autonomo ed individuale.

Percorso

Ogni incontro settimanale è strutturato in vari momenti, che possono essere variati e personalizzati a seconda delle esigenze del gruppo partecipante.

  1. Fase di accoglimento: per creare il clima di ascolto e valutare lo stato emotivo dei presenti
  2. Rilassamento guidato: con esercizio di visualizzazione del tema proposto
  3. Pratica: sul tocco sensibile e sull’automassaggio
  4. Ascolto del corpo: esercizi soft di stretching, yoga e respirazione
  5. Voce e movimento: esercizi di euritmia e danza
  6. Momento creativo-espressivo: attraverso il disegno o la scrittura creativa, l’esperienza vissuta si concretizza in un libro che in futuro verrà donato al proprio bimbo.

Perché sostenere

Sostenere questo progetto permette di condividere il nostro percorso con un numero sempre crescente di genitori che hanno vissuto l’esperienza di un neonato pretermine (ogni anno in Italia sono oltre 40.000), offrendo loro strumenti concreti per affrontare la situazione con crescente autonomia. La nascita di un neonato prematuro è sempre una situazione di emergenza, sia dal punto di vista fisico sia emotivo, non solo per il piccolo ma anche per i genitori. I nostri professionisti hanno ideato un percorso flessibile e personalizzabile, che li aiuta a gestire la nuova situazione e acquisire competenze per comunicare con i loro bambini. Un’esperienza di fondamentale importanza nel decorso clinico dei piccoli prematuri. I partecipanti sono guidati nell’esperienza genitoriale, attraverso la metafora dell’albero: la sua crescita rappresenta sia quella del neonato sia dei suoi genitori, evolvendo da uno stato di paura a uno di fiducia e forza.

Donazioni recenti

30,00 da Anonimuous 2 anni fa


Dona il tuo 5x1000

Risultati

Sta partendo la IV° Edizione. Nel corso dei tre anni precedenti abbiamo seguito più di 100 famiglie e 120 bambini (alcuni dei quali gemelli). Il progetto ha ricevuto un riconoscimento a livello nazionale come supporto importante alla “Care” dei piccoli prematuri. Quest’anno il progetto sarà tenuto direttamente accanto alle incubatrici nella quali sono accolti i piccoli ospiti, di modo che i genitori possano tenerli in braccio mentre partecipano al nostro laboratorio.

Testimonianze